Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ferragosto tra illustazioni, libri di moda e un ricordo di Lauren Bacall

</span></figure></a> I miei nipoti con il nostro cane Leone
I miei nipoti con il nostro cane Leone
</span></figure></a> La copertina del New Yorker del doppio numero di agosto, disegnata da Lorenzo Mattotti
La copertina del New Yorker del doppio numero di agosto, disegnata da Lorenzo Mattotti

Ho trascorso Ferragosto tra Milano e la Liguria, godendomi un po’ di sanissimo otium. Ho passato del tempo con i miei nipoti (10, 7 e un anno e tre mesi), giocato con loro a Scarabeo (bellissimo), sfogliato i giornali per bene, venerdì 15 e domenica 17, e visto due film super romantici. “L’amore ha due facce”, sul pc, con Lauren Bacall nei panni della mamma di Barbra Streisand, e “Mai così vicini”, con Michael Douglas e Diane Keaton splendisda 65enne, ieri al cinema in una Milano post-Ferragosto al massimo della sua bellezza (per me, forse c’è chi non ama il vuoto e il silenzio, può darsi e posso anche capirlo).

Aggirandomi per due librerie giovedì 14, incapace di resistere all’acquisto di ulteriori libri di carta che poi cercherò disperatamente almeno di sfogliare (ne ho comprati troppi, anche per un bel week end lungo di quattro giorni!), ho capito che la carta sembra avere un futuro e che mantiene intatto il suo fascino: le persone che c’erano in librerie sembravano consapevoli, soddisfatte, felici, di stare scegliendo la carta e non un formato elettronico. Vuoi mettere, come si vede nella bellissima illustrazione di Mattotti per il New Yorker qui a fianco, anche in vacanza, il piacere di avere in mano un oggetto come un libro rispetto a un qualsiasi supporto elettronico? Sto cominciando a pensare che i libri sopravvivono e continuano a piacerci perché ci sembrano più “umani” rispetto a kindle & company, più simili a noi anche come composizione molecolare…

In redazione mercoledì avevo sfogliato un libro di moda, su John Varvatos e mi chiedevo quanto poco senso avrebbe avuto, per me, guardare lo stesso libro in formato elettronico. Vuoi mettere girare le pagine, avvicinare lo sguardo o allontanarlo invece che schiacciare un pulsante o fare un gesto delle dita… Spero che sia così ancora per tante persone, ammetto di non essere pronta per dire addio a carta, libri, riviste… Senza nulla togliere a tutte le interazioni carta-web alle quali nell’editoria tutti stanno lavorando, Sole 24 Ore in testa. Ma la carta può continuare ad avere un suo ruolo, ne sono certa, anche per quanto riguarda quotidiani e  riviste.

Domenica invece ho fatto la rassegna stampa a Radio 24 e i giornali – dopo un giorno di astinenza – mi sono sembrati così ricchi e stimolanti. In particolare la pagine culturali, ovviamente. Su Repubblica ho trovato bellissimo il pezzo di Fabio Gambaro da Parigi su Lorenzo Mattotti (ancora lui!), che racconta di sé, del suo lavoro e… dei prossimi libri in uscita (Works 2, in particolare, per Logos, con tutte le sue illustrazioni di moda… can’t wait!). Sulla Stampa c’era un articolo di Enzo Bianchi sugli alberi che ho trovato fantastico e sul Domenicale mi ha commosso l’obituary che Goffredo Fofi ha dedicato a Robin Williams. Ma ci sarebbero tantissimi altri articoli… e per me metà del piacere è farci cadere l’occhio, scoprirli, aprendo un giornale. Se li vedo su internet sembrano molto più ordinari, anonimi, destinati a scomparire dallo schermo appena arriva una notizia più “importante…

laurenLa morte di Williams mi ha molto colpita, come tutti i suicidi. Ma non ho nulla da aggiungere, se non che il mio film preferito è Will Hunting. Su Lauren Bacall invece spendo ancora due parole perché rivedendo L’amore ha due facce, dove lei aveva già 70 anni, mi sono convinta di quanto sia “più bellissima” una donna (da sempre bellissima) che ha il coraggio di invecchiare, accettando ogni segno del tempo, rispetto a chi si tormenta con chirurgia plastica e altre diavolerie. Certo, alla base c’è la sicurezza in sé, l’accettazione della propria immagine, del viso e del corpo che lo specchio impietosamente ci restituisce. Ma se si riesce a farlo, ad accettarsi e amarsi, il risultato lo si vede sempre. Anche se non si è bellissime come era Lauren Bacall (che aveva iniziato come modella, non per niente).

  • ibcbet |

    ibcbet
    Hi! This Is My First Visit To Your Blog! We Are A Group Of Volunteers And Starting A New Project In A Community In The Same Niche. Your Blog Provided Us Beneficial Information To Work On. You Have Done A Extraordinary Job!

  • emerge2004 |

    Spot On With This Write-up, I Really Suppose This Web Site Wants Rather More Consideration. I?ll Probably Be Again To Learn Much More, Thanks For That Info.

  • Judi online indonesia |

    Sto ancora imparando da voi, come sto cercando di raggiungere i miei obiettivi. Certamente piaceva leggere tutto ciò che è pubblicato sul tuo Site.Keep L’Consigli Venuta. Mi è piaciuto molto! judi online indonesia

  • judi online asia |

    Hello.This post è stato davvero notevole, soprattutto perché era alla ricerca di pensieri su questo argomento Venerdì scorso.

  Post Precedente
Post Successivo