Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il look Marchionne

Pinguini
E’ tornata la Cinquecento! E io sono troppo contenta (anche se non ho neppure la patente). L’ho sempre trovata una macchina deliziosa. E poi i miei genitori ne hanno usata una (rossa e truccata) per il loro viaggio di nozze, nel 1968. La nuova Cinquecento, che nei prossimi giorni "invaderà" piazze e concessionari Fiat di tutta Italia, è solo la più recente dimostrazione delle capacità di Sergio Marchionne, il manager per metà abruzzese e per metà canadese, l’uomo che ha salvato la Fiat.

Un grande. Persino nel look. Da mesi indossa anche nelle occasioni ufficiali maglioncini e solo raramente giacca e cravatta. Non credo c’entri col risparmio energetico, come nel caso dell’Eni, che ha chiesto a tutti di andare al lavoro in camicia per poter tenere i condizionatori a 28 gradi e non meno. Mi piace pensare che lo stile Marchionne abbia a che fare con la natura dell’uomo: uno che si dedica alla sostanza delle cose, al cuore dei problemi, lasciando la mera forma da parte. Perché perdere tempo nella scelta di una cravatta, nell’abbinamento alla camicia e alla giacca e magari anche ai pantaloni? Con un "semplice" golf molto probabilmente si pensa meglio e si lavora meglio. Detto questo, mi piacciono le cravatte e provo tenerezza quando vedo uomini più o meno maturi concentrarsi sul nodo. Le cravatte sono belle, innegabilmente eleganti. Ma non c’è confronto con il look Marchionne.

Ps: La vignetta qui sopra è del New Yorker. Negli Stati Uniti è diffusa praticametne ovunque l’abitudine al "casual friday". Di venerdì, ci si può vestire in modo informale. Si avvicina il week end, in fondo. Ma il pinguino della vignetta è un po’ sfigato: si è messo una camicia hawaiiana al posto del suo "smoking naturale" perché credeva fosse venerdì. e invece chissà che giorno è.