Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lo “scellerato e inverosimile” caso Mele-Cesa

Chi di noi ha tutto il giorno i lanci di agenzia sotto gli occhi, già nel tardo pomeriggio di ieri ha potuto leggere le dichiarazioni del segretario dell’Udc Lorenzo Cesa sul caso del deputato del suo partito Mele,  reo confesso di aver trascorso una notte in compagnia di prostitute e cocaina e da ieri dimissionario dall’Udc. Per riassumere, ma credo che tutti abbiano più o meno "orecchiato" qualcosa, Cesa ha spiegato che la vita dei parlamentari maschi che non sono di Roma ma che devono trascorrere nella capitale molti giorni alla settimana, è difficile. La solitudine e la lontananza dalle famiglie è pesante e pericolosa.
I commenti a caldo, qui in redazione, si sono sprecati. La reazione più diffusa è stata lo sconcerto. Poi siamo passati oltre, c’era da chiudere il giornale, dovevamo tornare a occuparci delle nostre pagine di "economia e imprese".
Stamattina ho letto i giornali alla ricerca di commenti alla vicenda, forse perché io ero senza parole: secondo me il più originale e affascinante è quello di Francesco Merlo sulla Repubblica. Lo riporto qui sotto. Non sarò mai in grado di ragionare, e poi scrivere, con tanta chiarezza e lucidità e allo stesso tempo con ironia così sapientemente dosata. Ma sottoscrivo tutto.

"Il deputato, la squillo e l’indennità di astinenza" di Francesco Merlo (Repubblica, 31.07.07)

Come Newton scoprì la legge di gravità dalla caduta di una mela, cosi lo scienziato sociale Lorenzo Cesa ha scoperto la legge del coito parlamentare dalla caduta di un Mele. Riflettendo infatti sulla mirabile vicenda sessuale dell´onorevole Mele, che ha detto di essere stato posseduto – suo malgrado – da una prostituta, lo statista planetario Lorenzo Cesa, segretario del virtuosissimo Udc, il partito del latinorum, della messa ratzingeriana in latino, ha accolto le dimissioni di Mele.
Ma ne ha compianto "la solitudine e la vita dura" e ha infine proposto la legge del rimborso coitale, o meglio, del risarcimento del coitus obstruitus atque obliteratus. Eccola: gli eletti alla Camera o al Senato devono avere "la moglie sempre pronta" come dicevano i contadini di Roma antica, Venus semper parabilis, perché dopo una giornata di fatica, di zappa e terra, mancano tempo ed energia per sedurre "ragazze in cerca di avventura". E´ dunque giusto, incalza il dotto Cesa – in accordo con un non meglio precisato alto funzionario della Camera – che lo Stato paghi all´onorevole l´indennità di astinenza. Insomma: il costo della moglie semper parabilis al seguito, oppure le sozzerie.
Ebbene, a noi il ragionamento di Cesa sembra così inverosimile e scellerato che abbiamo deciso di migliorarlo. Perché non proporre "l´indennità di Priapo" alle parlamentari, signore e signorine, e "l´indennità di Venus" agli onorevoli maschi? Per i trans, i gay e le lesbiche diamo a Cesa quel che è di Cesa, e dunque ci rimettiamo alla sua saggezza informata a cultura e profondità di studi. E si potrebbe continuare organizzando una fiaccolata postribolare in via Veneto per ricordare il martirio di Mele il solitario, con una raccolta di fondi per una prima sistemazione del coito parlamentare che, per limitarci al cortile di casa (chiusa) nostra, già Cavour, Einaudi e Bobbio intravedevano come necessità statuale, guaina preservativa contro le brutte avventure della democrazia negli hotel di via Veneto che sono a rischio piattole, luoghi dove le prostitute si spacciano per Mary Poppins confondendo gli ingenui onorevoli di turno.
Stia attento il lettore: a dispetto del tono che stiamo usando, questa non è una storia di peccato, ma di vizio. L´orgasmo di Mele non è più riferibile all´Italia crapulona di Tognazzi, ma alla Costituzione reale della sordida Italia che di giorno discrimina i gay e di notte se li fa portare in Camera. Molti italiani – la gran parte – potrebbero pure chiudere un occhio, anche in segno d´intesa, sul deputato adultero e magari anche sul ministro con la mantenuta, perché in fondo da rappresentanti simili si sentirebbero forse ben rappresentati. Ma ci fanno venire l´orticaria quei viziosi politici che, proprio come l´onorevole Mele, montano campagne contro la droga e poi sniffano coitando; che divorziano ma rumoreggiano in difesa dell´indissolubilità del vincolo familiare; che chiedono di schedare i clienti della prostituta, alla quale riservano la definizione di "ragazza in cerca d´avventure" solo quando "batte" nelle loro alcove.
Che quello di Mele non sia un eccesso su cui chiudere un occhio, una banale boccaccesca storia di adulterio, un dignitoso peccato su cui indulgere, lo si capisce dal cinismo usato a copertura del ridicolo. L´onorevole, infatti, ha chiesto perdono alla moglie e ai figli, al partito, alla patria, ma non alla ragazza che con lui si è drogata, finendo da sola in ospedale: «Non l´ho pagata ma le ho fatto un regalo in denaro». L´onorevole, il quale dice persino – proprio così! – di essere orgoglioso di sé, non ha pensato che quel drogarsi era la sola maniera possibile di stare con lui. No: lui non voleva, lui è stato sedotto, «non sapevo nemmeno che quella signora facesse quel tipo di prestazioni», certe donne – si sa – sono ladre di sperma.
Secondo la ragazza, l´onorevole non voleva neppure chiamare l´ambulanza. Certamente non l´ha accompagnata, e se ne è liberato. A tutti i costi non voleva essere compromesso perché, come dice l´adagio, "il sesso non vuole pensieri".
Rimane vero, ma non gli fa onore, che l´onorevole Mele non è lussurioso come Sardanapalo, non è libertino come Casanova, non è trasgressivo come Oscar Wilde e non è neppure uno sciupafemmine casereccio alla Vittorio Sgarbi. Degrada le atmosfere di "Totò, Peppino e la malafemmina", rende greve la debauche al borotalco dei calendari dei barbieri della sua Carovigno, a pochi chilometri da Brindisi, paese di mandorle, olio ed etnia apulo-pakistana per dirla (sempre) con Amato.
Insomma, mai ci saremmo occupati di questo minuscolo rappresentante del popolo carovignonese o carovignacciano se, come dicevamo all´inizio, non fosse intervenuto l´onorevole Cesa, calabrese, segretario del partito di Casini, di Buttiglione, di Giovanardi, del partito dei pellegrinaggi organizzati dal cappellano della Camera, teologo e rettore dell´Università pontificia monsignor Rino Fisichella. L´Udc è uno dei partiti del Papa oltre che di Cuffaro, è votato dal 6, 7 per cento degli italiani, è il partito dei molti inquisisti, è il partito dello zelo puritano che è sempre losco, scivoloso e sporco. Il caso Mele-Cesa lo certifica: l´Udc è il partito dei falsi buoni cristiani che si battono contro i peccati, per il trionfo del vizio.

  • Blog Cattolici |

    Che Vergogna!
    Che razza di partito cattolico è l’UDC?
    Forse l’attaccamento alle poltrone è più importante del perseguire i valori cattolici….o i 10 comandamenti
    6° Non Commettere Atti Impuri
    7° Non Rubare
    8° Non Dire Falsa Testimonianza
    9° Non Desiderare La Donna Degli Altri
    http://www.blogcattolici.blogspot.com

  • marisa stelluti |

    moralismo? no, realismo. a quando un’addizionale su qualche imposta per consentire a parlamentari bacchettoni di affittare per una notte la settimana (e proprio quella tra il venerdì ed il sabato, quando se ne tornano a casa!) le suites degli hotel di lusso romani a spese del contribuente? quanti sono i “mele” nel parlamento italiano? e i “sircana”? e i “luxuria”?
    elettori italiani, svegliatevi! non mandate in parlamento gente che predica bene (forse), ma razzola malissimo (certamente).

  • marisa stelluti |

    moralismo? no, realismo. a quando un’addizionale su qualche imposta per consentire a parlamentari bacchettoni di affittare per una notte la settimana (e proprio quella tra il venerdì ed il sabato, quando se ne tornano a casa!) le suites degli hotel di lusso romani a spese del contribuente? quanti sono i “mele” nel parlamento italiano? e i “sircana”? e i “luxuria”?
    elettori italiani, svegliatevi! non mandate in parlamento gente che predica bene (forse), ma razzola malissimo (certamente).

  • docciascozzese |

    Vorrei solo segnalare l’inizio del film Il Bell’Antonio di Mauro Bolognini con Marcello Mastroianni, dove le squillo ai festini dei politici già c’erano (ma credo ci fossero anche ai tempi di Nerone). Il punto non sono le squillo, il degrado morale non è quello. Ma il fatto che vogliano dirci cosa dobbiamo fare noi, nel nostor letto.
    Comunque, poichè lavoro in trasferta a Milano per buona parte dell’anno, chiederò il ricongiungimento familiare. Non si sa mai.

  • Guido |

    Se non ho letto male le cronache, le squillo in quell’albergo, erano due.
    Entrambe per Mele? Improbabile. Sorge allora spontanea una domanda: DOV’ERA CASINI?

  Post Precedente
Post Successivo