Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il fascino dello zainetto

Eastpak2_2
Ieri Raf Simons, sofisticatissimo direttore creativo di Jil Sander, e Eastpak hanno annunciato un accordo di co-branding. Simons disegnerà zainetti, piccoli e accessori e borse per il marchio americano. Non vedo l’ora: ho da sempre una passione per Eastpak. O meglio, da esattamente 22 anni: quando ne avevo 16 e sono andata
Eastpak
in America per la prima volta ho scoperto questo marchio, perché moltissimi miei compagni di high school avevano uno zainetto Eastpak. Negli anni ne ho comprati tanti, uno per ogni campus che ho visitato. Chissà come saranno quelli di Raf Simons. Ma una cosa è certa: deve essere molto divertente disegnare, o meglio, "vestire" zainetti e altri accessori sportivi.
Un altro stilista, molto più giovane e sicuramente meno sofisticato di Raf Simons, che l’ha fatto è Simone Legno, alias Tokidoki. Il giovane stilista romano ha disegnato una linea di borse e accessori per Le Sportsac, marchio di zainetti e borse ultraleggere che mi fanno impazzire. e che a Pechino ho trovato persino al mercato dei falsi.

Tokidoki_lesportsac
Attualmente Simone Legno, credo, vive a Los Angeles dove crea la sua linea di T-shirts, gadget ecc. con il nome sotto il nome Tokidoki ("qualche volta", in giapponese).  L’ispirazione di Simone Legno viene dal Giappone ma il suo stile può assumere forme diverse come dimostra uno degli ultimi lavori al quale sta lavorando: il sito internet per Daniel Libeskind, architetto del nuovo World Trade Center a NY, un progetto fatto di geometrie e spazi astratti. Fra i suoi clienti Toyota, Mtv Asia, Mtv Italia, John Galliano, Telecom, TIM, Central Narcotic Bureau of Singapore, Renault, Alessi e Fornarina.
Come dicevo, le sue borse e zainetti "Tokidoki" for Le Sportsac sono FANTASTICHE (vedi foto accanto). La cosa che mi fa impazzire sono le cerniere: ogni dentino è di un colore diverso. Non so cosa verrà fuori dalla collaborazione Simons-Eastpak, ma ho l’impressione che disegnare zainetti o altri accessori sportivi per uno stilista sia liberatorio, riesca a tirare fuori l’aspetto più giocoso che c’è in loro. Per Simone Legno ovviametne è un po’ diverso: lui dà sempre l’impressione di divertirsi. E portare una sua borsa mette allegria. Garantisce una che tende un po’ alla depressione.