Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tutti a riveder le stelle

109561-bigthumbnail
Ci siamo: da stasera chi ha pazienza e riesce a trovare un luogo non devastato dall'inquinamento luminoso, può vedere le stelle cadenti! che poi sono meteore che si imbattono nell'atmosfera terrestre e vengono a farci un giro.
le hanno chiamate "lacrime di san lorenzo" perché l'impatto dovrebbe essere il 10 agosto, san lorenzo, appunto. non ho mai avuto la fortuna di guardare le stelle cadenti con un innamorato accanto, deve essere bellissimo. a dire il vero forse non ho mai gaurdato le stelle in genere, con un innamorato. con amici, fidanzati precari, parenti, sì. ma con un innamorato mai. ma dev'essere bellissimo. e quest'anno il 12 e il 13 ci sarà – dicono gli astronomi – anche un insolito triangolo Venere-Marte-Saturno.
comunque, per parlar di stelle e del piacere di guardarle in compagnia, ecco una poesia di borges che ho trovato oggi nel libro "fervore di buenos aires" (per parlare di queste cose meglio affidarsi ai poeti!).

Da un tuo cortile aver guardato
le antiche stelle,
dalla panchina in ombra aver guardato
quelle luci disperse
che non so ancora chiamare per nome
né ordinare in costellazioni,
aver sentito il cerchio d'acqua
nel segreto pozzo,
l'odore del gelsomino e della madreselva
il silenzioso uccello addormentato
la volta dell'androne, l'umino
– forse son queste cose la poesia

  • giulia |

    @temitopA
    domenica scorsa ho lavorato per il sito del sole 24 ore e ho scritto un articolo sulle stelle cadenti dove ho parlato anche di “calici sotto le stelle”
    ma purtroppo sono a varese e il tempo è molto nuvoloso… non so quante stelle riuscirò a vedere quest’anno
    comunque buon ferragosto e grazie per il commento!

  • Temitopa.A |

    Il 10 agosto il mio paesino organizza un evento musicale-enografico chiamato Calici di Stelle, che poi è una presa in giro perché le stelle non si vedono da lì. ma ti prometto, non so perché che l’anno prossimo salgo in montagna (facciamo collina) e le osserverò, sperando con un’innamorata.
    Lo duca e io per quel cammino ascoso
    intrammo a ritornar nel chiaro mondo;
    e sanza cura aver d’alcun riposo,
    salimmo sù, el primo e io secondo,
    tanto ch’i’ vidi de le cose belle
    che porta ‘l ciel, per un pertugio tondo.
    E quindi uscimmo a riveder le stelle.

  Post Precedente
Post Successivo