Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Gioielli come forma di poesia

Collana Giolina
Non so se sia un trend del momento, quello di avere tutto "su misura" o almeno in "limited edition", come spiegano – non da oggi ma da molti mesi – esperti di moda  e sociologi. Io credo che ognuno di noi, superati gli anni dell'adolescenza e la "dipendenza" dal confronto con i propri amici, abbia desiderio di essere originale, di indossare abiti e accessori che idealmente nessun altro abbia o che almeno nessun altro combini esattamente nello stesso modo. Le divise, il total look, danno una sicurezza molto effimera. Ammirare il buon gusto o lo stile, qualunque cosa esso sia, di un'altra persona va bene. Anzi, va benissimo. Ma ognuno, credo, può avere il suo, di stile. Per farlo ci vuole il
Collana viola
famoso "mix and match" tra capi firmati e dei marchi del fast fashion, certo, ma non basta. Anche e soprattutto i gioielli possono dire chi siamo – o chi vorremmo o pensiamo di essere. A Milano ad esempio c'è una piccola gioielleria dove padre e figlia, seppur con stili diversi, creano collane, bracciali e anelli che sembrano – spesso sono – pezzi unici. E che a volte sono fatti a immagine e somiglianza del cliente. Perché Angelo – e soprattutto Giolina – raccolgono ciondoli, collane, vecchi gioielli non più usati o forse nemmeno più amati, e su richiesta ne fanno qualcos'altro. Unico, irripetibile, specchio spesso di anni di doni ricevuti e di ricordi, più o meno felici. "Gioielli della memoria" che per definizione non possono essere replicati. E nemmeno fotografati, dice Giolina, che si "limita" a mettere la sua creatività al servizio delle sue clienti, ma non vuole crearsi un archivio dei gioielli a cui dà nuova vita. Perché, dice, nascono da ricordi che non mi appartengono e che voglio rispettare. Se siete a Milano, passate a trovare Angelo e Giolina, la loro bottega è in via Solferino 22/A, altrimenti date un'occhiata al loro sito. Anche i gioielli possono essere una forma di poesia.

  • paola bottelli |

    giulia, hai ragione, mi è piaciuta la tua definizione di questi pezzi unici carichi di ricordi personali

  Post Precedente
Post Successivo