Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il fascino solare di Leonardo

Leonardo1
 
Molte tifose interiste – credo – erano innamorate di Josè Mourinho. Io non proprio: uomo affascinante, un quasi-bellissimo. E altamente comico. Uomo intelligente, anche, in modo animalesco, direi. Ma cupo. Quando era allenatore dell'Inter mi sono scoperta ipnotizzata, spesso, dalle sue uscite così spiazzanti e dal suo fantastico accento. Ma innamorata, no. C'era poi qualcosa di cupo nel suo viso, più che nella sua personalità. Leonardo è un'altra storia. Non dico che sono innamorata perché la parola mi incute timore, non voglio usarla a sproposito. Però inizio a sognarmelo di notte. Mi piace perché mi sembra solare, mi piacciono persino le sue gambe arcuate. Mi sono sempre piaciute le gambe leggermente arcuate, chissà perché. Ieri è arrivata la notizia che Leonardo continuerà a vestire Dolce&Gabbana, come faceva quando era al Milan. Mi sono anche arrivate due foto… è elegantissimo. Lo è anche Mourinho, per carità, che sempre ieri ha ritirato a Zurigo il suo pallone d'oro come allenatore. Josè vestiva Brioni, marchio abruzzese di lunghissima tradizione. E sulle scelte stilistiche di Leonardo, Mourinho e sul made in Italy che veste il calcio trovate un Backstage di Paola Bottelli a pagina 24 del Sole 24 Ore di domani.

  • nadia |

    personalmente preferisco il fascino ombroso di mou, lo sguardo tenebroso e cupo è qualcosa che stimola la fantasia
    abbinandolo poi al carisma magnetismo e intelligenza che lo contraddistinuono penso non ci siamo proprio paragoni
    leo è un “ragazzino” al confronto
    ho rivisto proprio ieri sera su youtube la puntata del chiambretti night dove era proprio ospite lo special one ed è stato fantastico in tutto e per tutto
    mai imbarazzato molto sintetico e acuto e soprattuto pungente nelle risposte a domande pungenti
    un vero trascinatore di folle
    concludo con una sua frase storica fra le mille frasi storiche che hanno riempito i giornali in due anni di italia
    “sono simpatico a molti, sono antipatico a molti, questo è il calcio, questa è la vita” j.m.

  • Anto |

    Personalmente trovo che siano entrambi uomini bellissimi e che Leonardo abbia il non trascurabile vantaggio di avere quasi 10 anni di meno di Josè…ma…preferisco i cripticismi dalle 1000 interpretazioni di Josè alle conferenze stampa logorroiche di Leo. Josè ha attorno a sè l’aura di un ‘mago’, di uno stregone – guerriero come ce ne sono tanti nella letteratura latino-americana, da Coelho a Garcìa Marquez solo per citare i più noti. Leo è fresco, è ottimista, libero da paranoie (Mou vive con la scorta!) e sicuro del proprio valore. Una gran persona. Splendido nei suoi Dolce&Gabbana. Troppo bravo ragazzo, un pò seminarista, un Josè ripulito da quell’inquietudine così affascinante…

  Post Precedente
Post Successivo