Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Saldi “pazzi” e orari “liberi”

Da ieri i giornali e i blog parlano della liberalizzazione degli orari dei negozi: in base a una legge varata già qualche mese fa ma resa esecutiva dal "decretone salva Italia" di Monti, i negozi – di qualsiasi tipo, dai supermercati alle mercerie, dalle boutique dei centri storici ai minimarket – potranno decidere se tenere aperto di notte, nei festivi, persino 24 ore su 24 se vorranno.

Non sono una grande fan di questo tipo di liberalizzazioni, lo dico subito. Nella mia vita ho viaggiato tanto, per mia fortuna, e fin da quando ero piccola. Era il 1985 e avevo 16 anni quando sono andata per la prima volta in America, come exchange student di una scuola di Milwaukee, Wisconsin. Mi avevano favorevolmente impressionato le aperture festive dei supermercati, era un servizio utile a cui in Italia non ero abituata. Ma c'è una misura per tutto. E mi è sempre piaciuto anche il "metodo tedesco" (forse perché sono metà tedesca), di non fare orari troppo lunghi di sera.

Lo shopping è divertente e fondamentale per l'economia, inutile che mi dilunghi. Ormai siamo abituati a sentire questo mantra della "crescita del Pil". E uno dei carburanti del Pil sono i consumi. Però ormai abbiamo tutto, compriamo solo cose superflue, a guardar bene. Io per prima, naturalmente. Penso che sia il momento di ingegnarci a trovare anche altri modi di crescere, sia per l'economia italiana sia per noi come persone. Dal punto di vista pratico poi, corporativismi a parte, è vero che solo la Gdo è equipaggiata per orari "monster". I piccoli negozi non possono permettersi costi aggiuntivi. A meno che di non sottopagare, far fare straordinari gratis ecc. E' quello che vogliamo? Personalmente non ci tengo a vedere crescere una nuova, ennesima classe, di lavoratori (giovani, soprattutto) sfruttati e sottopagati. Il che mi porta anche alla questione dei taxi "liberalizzati". Ma ne parlerò in un altro post…

  • Matteo |

    Sì ai saldi liberalizzati, no agli orari. Anche perchè viaggiando mi pare di vedere che, per questione di “orari nazionali” (giù nel mediterraneo facciamo piû tardi) l’Italia è uno dei paesi con i negozi che restano aperti fino a piû tardi la sera.

  • gigio |

    Mi pare un post equilibrato !
    Complimenti

  Post Precedente
Post Successivo