Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Borse in cocco da 20mila euro e la ricchezza “nascosta” di (pochissimi) italiani

Sabato sera mi trovavo un po' per caso a passeggiare per Porto Cervo. Ho visto cose che voi umani… Cioè ho visto, in vetrina, PICCOLE borse in coccodrillo (per farle penso sia bastato mezzo malcapitato animale, forse nemmeno) da 20mila euro, portastivali da cavallo in tela da 6mila (o erano 8mila), gioielli così cari da non avere alcuna indicazione di prezzo… Ho saputo che il Coppola del porto nuovo ha fatto 40 "pieghe" in un giorno. 180 euro l'una. Ho visto – non mi era mai capitato – una gioielleria con guardia giurata FISSA all'interno e all'esterno. E ho pensato: ecco un po' di scelta per i cari turisti arabi e russi, che ovunque in Europa hanno "salvato" le vendite dei marchi del lusso. Delle vendite tax free – cioè quelle fatte in Italia a turisti extra Ue che chiedono quindi il rimborso dell'Iva) ci occuperemo presto anche noi di MODA24, su uno dei prossimi numeri del nostro settimanale (venerdì con Il Sole 24 Ore esce il primo numero dopo la pausa estiva e ci saranno molte sorprese…). Ecco, pensavo ai turisti che fanno shopping a Porto Cervo, a Forte dei Marmi, nel quadrilatero milanese. Poi però ieri sera ho sentito su Rai Tre alcuni dati sulla ricchezza in Italia. E' nelle mani di meno del 10% degli italiani. Persone che non spendono in Italia, ma all'estero. Comprano case da 50mila sterline al metro quadro a Kensington, il quartiere più caro di Londra, dove hanno come vicini di casa quelli che tornano da Porto Cervo con la borsa in coccodrillo da 20mila euro. Persone che vanno alle aste si Christie's e comprano servizi da tavola in oro massiccio da milioni di sterline. Secondo la responsabile delle aste la crisi finanziaria innescata negli Stati Uniti nel settembre 2008 dal fallimento Lehman Brothers e che poi è diventata, come una valanga, la crisi economica globale più devastate del dopoguerra ha mietuto più vittime tra i super ricchi americani che tra quelli italiani, che hanno continuato a comprare opere d'arte da decine di milioni di sterline. Poi, ciliegina sulla torta dello stordimento da dati incompatibili anche con la più vaga idea di distribuzione equa della ricchezza (interessante l'intervento del ricchissimo Pietro Modiano, favorevole dal 2011 a una patrimoniale, ma da allora inascoltato), sempre alla trasmissione di Rai Tre, puntata dedicata a "Ricchi e poveri" Presa diretta appare Marisela Federici. Mostra la sua casa all'intervistatrice di Rai Tre e poi, dopo una pausa perché il tour della sua stessa casa e per sua stessa ammissione l'aveva molto molto stancata, spiega compita e convinta che "chi si suicida perché ha perso il lavoro aveva delle tare psicologiche precedenti". Primo, credo che da oggi la signora Federici dovrà aggiungere alla già lunga lista di personale alle sue dipendenze una guardia del corpo. Secondo, la giornalista che non ribatte e lascia ribadire alla singora Federici il concetto dei suicidi con tare mentali in almeno altre due versioni andrebbe radiata dall'Ordine. Terzo, non vedo speranze per l'Italia. Un Paese in cui i pochissimi privilegiati non si rendono conto della condizione di privilegiati è condannato. Un Paesi in cui i ricchissimi vanno a comprare quadri (e presumibilmente anche borse in coccodrillo) a Londra e non a casa loro perché – credo – hanno paura del fisco, è, ribadisco, condannato. Penso ai tanto vituperati Stati Uniti, il Paese delle differenze, per come la vedo io. Il Paese, però, dove i ricchissimi pagano le tasse, dove le aliquote sono progressive e dove la crisi finanziaria li colpisce, eccome. Il Paese dove i miliardari finanziano biblioteche e musei, in cambio del loro nome inciso nel marmo all'entrata. Ho sognato la signora Federici e stamattina mi sono svegliata molto pessimista. Non so come e se oggi mi toglierò queste bruttissime sensazioni dalla testa. 

  • Giulia Crivelli |

    caro riccardo, capisco il suo ragionamento ma resto dell’idea che la giornalista avrebbe dovuto avere un atteggiamento diverso. magari anche solo di silenzio GLACIALE, perché a volte il silenzio è più eloquente delle parole, ma comunque non di titubante spalla di una riccona in preda a un delirio di onnipotenza.
    siccome non c’è mai limite al peggio, sono d’accordo sui molti altri da radiare. l’ordine avrebbe un bel da fare, se solo volesse.

  • Riccardo |

    Completamente d’accordo con Lei, tranne che in un punto.
    Cito dal suo articolo: “Secondo, la giornalista che non ribatte e lascia ribadire alla singora Federici il concetto dei suicidi con tare mentali in almeno altre due versioni andrebbe radiata dall’Ordine”.
    Suvvia, siamo sicuri che non abbia ribattuto o non sia sia come minimo sorpresa? Che motivo avrebbe avuto la nababba rifatta di ribadire il concetto allora?
    E poi, magari se la giornalista è stata zitta è perché forse un gorilla la “signora” Federici lo ha già.
    I giornalisti da radiare dall’Ordine sono quelli che intervistano gentaglia simile per soldi e per essere in vista al pubblico cafonal-chic, non certo quelli che lo fanno per denunciare una disuguaglianza sociale per un programma serio come “Presa diretta”.
    @Sergio e @PAOLA BOTTELLI: anche io ho passato una nottataccia.

  • Romano |

    io non vi ho assistito in quanto queste cose le conoscevo già, per cui, dormire male una notte in più non mi sarebbe stata di alcun giovamento per di più non avrebbe aggiunto nulla al mio senso di schifo…

  • PAOLA BOTTELLI |

    voglio il portastivali! è una battuta, ovviamente: ieri sera Presa diretta era agghiacciante: il vocabolo antipodi non è mai stato più azzeccato. @sergio, anch’io ho dormito malissimo

  • Sergio |

    Ho seguito,inorridito,la trasmissione di Rai 3 ieri sera,insieme alla mia famiglia.Ho sentito sgomento numeri,spese,prezzi da mille ed una notte.Ho ascoltato basito la signora dei salotti,dispensare massime e consigli ai poveri disgraziati come noi.Quando poi,colei che non ha mai lavorato in vita sua (6 persone fisse di servizio)ci ha invitati a pensare a lavorare di più,sono andato di nascosto nel tinello a piangere.
    La nottata è stata popolata da incubi mostruosi.

  Post Precedente
Post Successivo